Acuta e Irta

Il discorso fatto per gli angoli A e B vale anche per l'Acuta e l'Irta che sono un'esasperazione dell'Angolosa. Più l'angolo si fa acuto e irto e più si rafforza il significato grafologico in modo esasperato. Così Moretti definisce la scrittura Acuta: « ... quella che manifesta angoli acuti ai vertici inferiori e superiori delle lettere e sia poco estesa orizzontalmente. [ ... ] Essa indica acutezza intellettiva, sottigliezza in tutto, anche di sentimento. La sottigliezza forma il sentimento come munito di punte per preservare il proprio Io; l'acutezza d'intelligenza porta a sottilizzare in tutto, quindi ad arguire» (Trattato di grafologia, op. cit., p. 118). La scrittura Irta è per Moretti «un'accentuazione di Acuta» che sta a significare «mania della contraddizione nella quale prova un gusto indicibile ... » (Trattato di grafologia, op. cit., p. 124).

Secca
«La scrittura secca è quella che dà la figura di uno scheletro grafico ...
è la scrittura Angolosa acuta, senza ricci e come stecchita, è stretta di
lettere e specialmente tra lettere».

Come si nota, anche per Moretti non si tratta di un singolo segno bensì di una costellazione che sta alla base del significato di 'avarizia'. Il significato di tutti questi segni ha in comune la difesa dell'Io, una difesa esasperata che non permette uno scambio paritetico nella relazione, sia a livello intellettivo sia affettivo e di temperamento.